Più che una provocazione … una buona idea: Gigi De Palo Ministro per la Famiglia

0
157

A seguito delle dimissioni del ministro per la famiglia Enrico Costa, il Presidente del Forum Famiglie Nazionale Gigi De Palo ha denunciato fin da subito che ancora una volta:

le famiglie e il Bene Comune sono stati sacrificati sull’altare dell’interesse particolare;

chiedendo con forza la nomina immediata di un nuovo Ministro, ad oggi ancora non arrivata, che potesse portare avanti le istanze fiscali delle famiglie nella prossima legge di Stabilità, ma soprattutto:

confermare la data della Conferenza nazionale sulla famiglia del prossimo settembre alla quale lo staff di governo, l’associazionismo e la società civile tutta, hanno lavorato con molto impegno da molto tempo.

(http://www.forumfamiglie.org/2017/07/19/costa-si-dimette-subito-un-altro-ministro/).

Ieri un nuovo appello diretto, per mezzo di una lettera indirizzata al Primo Ministro (http://www.forumfamiglie.org/2017/07/22/3711/).

In quanto molto sensibili a questa tematica, diffondiamo anche noi questo appello: affinché il primo ministro Gentiloni possa prendere in considerazione il ripetuto invito del Presidente del Forum Famiglie Nazionale a mettere al primo posto la famiglia, cellula vitale per il futuro della nostra società e soprattutto a valutare la nomina immediata di un nuovo Ministro per la Famiglia che abbia veramente a cuore il tema in quanto Bene Comune e non “interesse particolare”. . . perché non considerare Gigi De Palo?

Non è un uomo solo al comando, ma dietro di lui tanti uomini donne, associazioni e movimenti stanno lavorando per mettere la famiglia al primo posto dell’agenda politica. La famiglia educa alla vita sociale,  consuma e produce ricchezza. È un volano per l’economia del nostro Paese e una risorsa per ridare vitalità ad un tessuto sociale sempre più disgegregato.

La nostra provocazione … è una buona occasione per non gettare in mare quanto di buono fatto fino ad oggi e per lanciare un chiaro segnale di considerazione a tutto il mondo dell’associazionismo familiare che dal Family Day del 2007 a tutt’oggi sta lavorando per mettere al primo posto della politica la persona e la famiglia come cellula vitale della società e come risorsa.

 

 

LEAVE A REPLY